Accordo Pirelli, Russian Technologies e Sibur Holding

  • Sviluppo di attività congiunte in Russia nei settori:pneumatici, steelcord e derivati della gomma sintetica
  • Selezione degli asset di Sibur Russian Tyres e conferimento a due joint venture costituite tra Pirelli e Russian Technologies
  • Pirelli acquisirà anche, in via diretta, il 10% della stessa Sibur Russian Tyres a fronte della sottoscrizione di un contratto di assistenza tecnica e manageriale

In data 26 novembre 2010 Pirelli, Russian Technologies e Sibur Holding hanno siglato a Mosca un memorandum of understanding (MOU) per definire una serie di accordi per lo sviluppo di attività congiunte nel settore degli pneumatici, dello steelcord e nella fornitura e nella produzione ad alta tecnologia dei derivati della gomma sintetica in Russia. Il closing è previsto entro giugno 2011.

Per quanto riguarda il settore pneumatici, in particolare, l’intesa raggiunta pone le basi per avviare congiuntamente il processo di razionalizzazione e riorganizzazione delle attività tyre facenti capo a Sibur Holding, uno dei maggiori gruppi russi nel comparto petrolchimico. Gli accordi prevedono un processo di riorganizzazione finalizzato a selezionare gli asset di Sibur Russian Tyres che saranno conferiti a due joint venture costituite tra Pirelli e Russian Technologies (JV1 e JV2). Tale selezione sarà realizzata sulla base di linee guida e business plan condivisi tra i tre partner.

Alla prima JV saranno conferiti gli asset di Sibur Russian Tyres riconvertibili a standard Pirelli nei settori car, agro radiale e truck all steel. Alcuni di tali assets, in attesa della finalizzazione delle transazioni, potranno essere gestiti fin da subito da Pirelli sulla base di un manufacturing and technology agreement.

Alla seconda JV, invece, saranno conferiti gli asset utili alla produzione di pneumatici car per il primo equipaggiamento, destinati a soddisfare la crescente domanda del mercato russo, oltre a quelli per la produzione di pneumatici truck e agro convenzionali. La JV2 deterrà inoltre una partecipazione rilevante in Sibur Russian Tyres. Pirelli acquisirà anche, in via diretta, il 10% della stessa Sibur Russian Tyres a fronte della sottoscrizione di un contratto di assistenza tecnica e manageriale che fornirà. In tal senso Pirelli introdurrà, sotto licenza, proprie tecnologie e processi produttivi, parteciperà all’upgrade tecnologico degli impianti e apporterà know-how in materia di logistica, di controllo della qualità e di organizzazione delle attività.

Per quanto riguarda Sibur, le attività pneumatici del Gruppo beneficeranno degli avanzati livelli tecnologici di Pirelli e, grazie al supporto industriale della società italiana, Sibur prevede un significativo miglioramento dei risultati del proprio business.

Il nuovo legame tecnologico tra i due gruppi nell’area della gomma sintetica faciliterà anche l’introduzione di nuovi tipi di gomma sintetica capaci di migliorare la performance dei pneumatici, sopratutto di gamma alta dove questa prevale rispetto a quella naturale. Inoltre, l’accordo contribuirà a creare sinergie tra il settore automotive, il settore pneumatici e quello della gomma sintetica in Russia, migliorando l’offerta verso la clientela e la competitività dell’industria russa di pneumatici e auto a livello internazionale.

La partnership tra Russian Technologies, Sibur e Pirelli sosterrà inoltre lo sviluppo del comparto russo auto e tyre e, attirando investimenti nel settore pneumatici, consentirà la creazione di moderni prodotti ad alta tecnologia e di elevata qualità per entrambe le industrie. L’accordo porterà Pirelli ad avere, per la prima volta, propri impianti produttivi nella Federazione Russa. Sempre nell’ambito dell’intesa raggiunta, Pirelli e Russian Technologies costruiranno a Samara, nella zona economica speciale di Togliatti, uno stabilimento per la produzione di steelcord, la cordicella metallica utilizzata negli pneumatici radiali e nei pneumatici giganti.