Nota 12 - Attività per imposte differite e fondo imposte differite

La composizione è la seguente:

(in migliaia di euro)    
  31/12/2010 31/12/2009 *
Attività per imposte differite 69.642 91.164
Fondo imposte differite (33.733) (44.000)
  35.909 47.164

* comprensivo delle attività operative cessate pari a euro 27.225 migliaia

Poiché la contabilizzazione in bilancio delle imposte differite attive e passive è stata effettuata, ove ne esistano i presupposti, tenendo conto delle compensazioni per entità giuridica, la composizione delle stesse al lordo delle compensazioni effettuate è la seguente:

(in migliaia di euro)    
  31/12/2010 31/12/2009
Attività per imposte differite 170.799 177.826
— di cui recuperabili entro 12 mesi 56.889 59.403
— di cui recuperabili oltre 12 mesi 113.910 118.423
Fondo imposte differite (134.890) (130.662)
— di cui recuperabili entro 12 mesi (4.448) (1.311)
— di cui recuperabili oltre 12 mesi (130.442) (129.351)
  35.909 47.164

L’effetto fiscale delle differenze temporanee e delle perdite fiscali a nuovo che compongono la voce al 31 dicembre 2010 e al 31 dicembre 2009 sono riportate nel seguente prospetto:

Fondo imposte differite
(in migliaia di euro)    
  31/12/2010 31/12/2009
Ammortamenti (123.971) (120.409)
Altro (10.919) (10.253)
  (134.890) (130.662)

Attività per imposte differite
(in migliaia di euro)    
  31/12/2010 31/12/2009
Fondo per rischi e oneri futuri 30.204 30.281
Fondi del personale 38.236 38.044
Scorte 11.727 13.498
Perdite fiscali a nuovo 43.649 43.121
Ammortamenti 865 2.060
Crediti commerciali e altri crediti 5.800 16.216
Debiti commerciali e altri debiti 31.602 17.607
Operazioni infragruppo - 3.292
Derivati 7.565 6.386
Altro 1.151 7.321
  170.799 177.826

Al 31 dicembre 2010 il valore delle imposte differite attive non riconosciute relative a differenze temporanee è pari a euro 139.228 migliaia (euro 95.522 migliaia al 31 dicembre 2009), e di quelle relative a perdite fiscali è pari a euro 319.327 migliaia (euro 439.862 migliaia al 31 dicembre 2009); tali importi si riferiscono a situazioni in cui la recuperabilità non è ritenuta al momento probabile.

Le perdite fiscali ripartite per scadenza, a fronte delle quali non sono riconosciute imposte differite attive, sono di seguito riportate:

(in migliaia di euro)    
Anno di scadenza 31/12/2010 31/12/2009
2010 - 136.608
2011 11.992 37.796
2012 496.897 518.144
2013 46.280 100.389
2014 5.740 53.353
2015 6.312 24.859
2016 3.321 33.382
2017 15 15
2018 1.163 1.163
2019 1.239 -
2022 13.400 48.663
2024 343 343
2025 12.690 -
senza scadenza 522.986 628.364
  1.122.378 1.583.079

L’effetto fiscale degli utili e perdite rilevati a Patrimonio netto è positivo per euro 2.810 migliaia (positivo per euro 14.111 migliaia al 31 dicembre 2009), ed è evidenziato nel prospetto degli utili e perdite complessivi; tali movimenti sono principalmente dovuti agli effetti fiscali legati agli utili/perdite attuariali su benefici a dipendenti, all’adeguamento a fair value di attività finanziarie disponibili per la vendita e di derivati in cash flow hedge.