Nota 38 - Risultato attività operative cessate

Nella tabella è riportata la composizione della voce, che si riferisce ai settori operativi Real Estate e Broadband Access, rispettivamente oggetto di separazione e ceduti nel corso del 2010, che si qualificano come attività operative cessate (discontinued operations).

(in migliaia di euro)    
  1/1-30/9 2010 2009
Ricavi delle vendite e delle prestazioni 295.271 403.847
Altri proventi 22.898 43.972
Variaz. nelle rimanenze di prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti (549) (7.778)
Materie prime e materiali di consumo utilizzati (al netto della variaz. scorte) (58.809) (26.672)
Costi del personale (57.849) (104.515)
Ammortamenti e svalutazioni (4.570) (12.107)
Altri costi (185.888) (329.026)
Risultato operativo 10.504 (32.279)
Risultato da partecipazioni (28.577) (45.135)
— quota di risultato di società collegate e jv (29.522) (61.385)
— utili da partecipazioni 1.961 15.531
— perdite da partecipazioni (2.239) (81)
— dividendi 1.223 800
Proventi finanziari 25.653 36.900
Oneri finanziari (22.961) (52.141)
Risultato al lordo delle imposte (15.381) (92.655)
Imposte (10.223) (7.547)
Risultato del periodo (25.604) (100.202)
Impatto assegnazione Pirelli RE al netto dei costi di vendita (219.002) -
Plusvalenza vendita Pirelli Broadband Access al netto dei costi di vendita 20.766 -
Risultato attività cessate (223.840) (100.202)

Separazione Real Estate

In data 4 maggio 2010 il Consiglio di Amministrazione di Pirelli & C. S.p.A. ha deliberato di sottoporre all'approvazione dei Soci un'operazione volta alla separazione delle attività facenti capo a Pirelli RE (ora Prelios) dal Gruppo Pirelli, al fine di concentrare l'attività nel settore pneumatici, nel contesto delle azioni di razionalizzazione e ottimizzazione gestionale, già avviate nel corso del 2008 e proseguite nel 2009, nonché delineate nel percorso strategico del piano industriale triennale 2009/2011 di focalizzazione sulle attività industriali core, consentendo nel contempo ai suoi azionisti, già indirettamente partecipanti al business real estate, di assumere una partecipazione diretta in Pirelli RE (ora Prelios).

L'operazione ha avuto luogo mediante assegnazione agli azionisti di Pirelli & C. S.p.A. della quasi totalità delle azioni ordinarie Pirelli RE detenute dalla Società, pari a circa il 58% del capitale sociale, attuata per il tramite di una riduzione del capitale sociale il cui importo effettivo è stato determinato dall'Assemblea Straordinaria di Pirelli & C. S.p.A. del 15 luglio 2010 in misura equivalente al fair value della partecipazione Pirelli RE oggetto di assegnazione (pari a euro 178.813.982,89), a sua volta determinato sulla base del prezzo ufficiale delle azioni Pirelli RE (pari a euro 0,367) rilevato il 14 luglio 2010, giorno di Borsa aperta antecedente la data dell'Assemblea. In data 25 ottobre 2010, ai sensi dell'articolo 2445, comma 3, cod. civ., decorso il termine di novanta giorni dalla data d'iscrizione della deliberazione dell'Assemblea straordinaria di Pirelli & C. S.p.A. nel Registro delle Imprese, si è conclusa l'operazione.

In ottemperanza alle disposizioni dell'interpretazione IFRIC 17 (Distribuzione ai soci di attività non rappresentate da disponibilità liquide), la passività derivante dall'operazione è stata rideterminata sulla base del prezzo ufficiale di borsa delle azioni Pirelli RE rilevato alla suddetta data di closing dell'Operazione (euro 0,4337) da euro 178.813.982,89 a euro 211.312.328, con contropartita una diminuzione di Patrimonio netto di euro 32.498.345; contestualmente è stata registrata in conto economico una perdita pari a euro 156.268 migliaia corrispondente alla differenza tra il valore della passività come sopra determinato e il valore contabile delle attività nette oggetto di assegnazione.
Sommando alla suddetta perdita di euro 156.268 migliaia il trasferimento a conto economico di perdite precedentemente rilevate a Patrimonio netto, pari a euro 32.242 migliaia, il rigiro di una plusvalenza immobiliare precedentemente elisa nel consolidato, pari a euro 3.660 migliaia, l'annullamento del goodwill presente su tale attività (euro 32.909 migliaia) e i costi correlati all'operazione (euro 1.243 migliaia), si ottiene l'impatto totale dell'operazione di assegnazione, pari a una perdita di euro 219.002 migliaia.

Il risultato del settore Real Estate, corrispondente ai primi nove mesi dell'esercizio 2010, è negativo per euro 28.986 migliaia (rispetto a una perdita di euro 104.844 migliaia riferita all'intero esercizio 2009). Per effetto dell'operazione, sono state assegnate in misura proporzionale agli azionisti di Pirelli & C. S.p.A. n. 487.231.561 azioni ordinarie Pirelli RE nel rapporto di n. 1 azione Pirelli RE per ogni n. 1 azione ordinaria o di risparmio Pirelli & C. S.p.A. posseduta, rispetto ad un totale di azioni possedute da Pirelli & C. S.p.A. ante Operazione pari a n. 487.798.972. La mancata assegnazione della totalità delle azioni Pirelli RE detenute risponde esclusivamente ad esigenze tecniche, al fine di determinare un rapporto di assegnazione non frazionario agli azionisti di Pirelli & C. S.p.A..

Cessione Broadband Access

In data 21 ottobre 2010 Pirelli & C. S.p.A. e Advanced Digital Broadcast Holdings SA (ADB), società quotata alla borsa svizzera, hanno siglato un accordo che prevede l'acquisto da parte di ADB dell'intero capitale di Pirelli Broadband Solutions S.p.A. (PBS), società partecipata al 100% da Pirelli & C. S.p.A. L'operazione si è perfezionata il 29 novembre 2010 con la cessione da parte di Pirelli al Gruppo Advanced Digital Broadcast (ADB) dell'intero capitale di Pirelli Broadband Solutions S.p.A. (PBS). Il corrispettivo pagato da ADB si compone di circa euro 25 milioni di cassa e di 400 mila azioni quotate ADB, pari a circa il 7,2% del capitale di ADB stessa. Per tali azioni è stato assunto da parte di Pirelli & C. S.p.A. un impegno di lock-up per i primi due mesi successivi al closing, nonché un accordo per un'opzione put per Pirelli e un'opzione call per ADB, esercitabili entro due anni. La plusvalenza derivante dalla cessione, al netto dei costi di vendita, ammonta a euro 20.766 migliaia (costi di vendita pari a euro 358 migliaia); il risultato del settore Broadband Access, corrispondente ai primi nove mesi dell'esercizio 2010, è positivo per euro 3.382 migliaia (rispetto a un utile di euro 4.642 migliaia riferiti all'intero esercizio 2009).